Sposarsi con lo sponsor

gli apripista Natacha e Vincent hanno creato un blog con un anno d’anticipo

Oggi sposi? Sì, ma con lo sponsor

In Francia la nuova tendenza lanciata da alcune coppie per potersi permettere un giorno indimenticabile

gli apripista Natacha e Vincent hanno creato un blog con un anno d’anticipo

Oggi sposi? Sì, ma con lo sponsor

In Francia la nuova tendenza lanciata da alcune coppie per potersi permettere un giorno indimenticabile

Natacha e Vincent salgono le scale del municipio (foto di  Marlon Lussault, dal blog mariage.vvds. fr)
Natacha e Vincent salgono le scale del municipio (foto di Marlon Lussault, dal blog mariage.vvds. fr)

PARIGI – In tempi di crisi, il matrimonio per molte giovani coppie è quasi un miraggio. Colpa dei costi proibitivi, magari sinonimo di debiti. In Francia, però, si è trovata la soluzione. Le nozze diventano un evento, da farsi sponsorizzare. E non da parenti e amici, ma da vere aziende attive del settore. Un fenomeno generazionale, in netta espansione grazie anche a internet, in un paese dove lo sposalizio è in concorrenza diretta con i più agevoli Pacs. Nel 2008, infatti, i «patti civili di solidarietà», sono raddoppiati rispetto all’anno precedente, attestandosi intorno alle 150mila registrazioni. Dal 1999, quando furono introdotti nel diritto francese, sono stati scelti da oltre 400mila coppie. A discapito del matrimonio. Nel 2003, infatti, per ogni Pacs formalizzato si contavano nove unioni tradizionali. Il rapporto è ormai sceso a due Pacs per matrimonio. Tra le ragioni, anche il costo delle nozze. In media, per un matrimonio con un centinaio di invitati si spendono tra i 10 e 15mila euro. Somme irraggiungibili per alcune coppie di giovani, magari precari, che sognano comunque di vivere un giorno indimenticabile.

Lo scorso autunno, però, due francesi della banlieue parigina hanno deciso di aggirare l’ostacolo ispirandosi a quanto accade negli Stati Uniti da una decina d’anni: sponsorizzare il loro matrimonio. Il sogno di Natacha e Vincent è diventato realtà il 20 settembre grazie anche a 13 sponsor che hanno creduto nella scommessa. Il primo passo è stato la creazione di un blog (mariage.vvds.fr), circa un anno prima della fatidica data. Primo tassello di una strategia di comunicazione atipica, ma che ha rapidamente sedotto i media. E’ bastato un servizio su una rete televisiva, incuriosita dall’iniziativa, per attirare i primi partner commerciali. Poi sono arrivati tutti gli altri, per un risparmio di circa cinquemila euro sui 12mila previsti. Natacha e Vincent hanno poi scelto la Sardegna per il viaggio di nozze.

Il loro matrimonio autofinanziato ha ispirato molte altre coppie che sono riuscite a coprire voci di spesa come il vestito da sposa, le candele, il parrucchiere, l’estetista, l’orchestra. Jeff e Julie, di sponsor ne hanno conquistati una quarantina, riducendo ai minimi l’esborso (lilietdoudou28.e-monsite.com). I due futuri sposi si sono conosciuti su internet e la dimestichezza con la rete ha agevolato la ricerca di aziende disposte a sostenerli in cambio di visibilità alternativa e a basso costo, tramite link e soprattutto reportage di tv, giornali locali e siti di informazione, o ancora sotto forma di adesivi ben in vista sull’auto dei fidanzati.

Ma il matrimonio sponsorizzato, avvertono, richiede tempo, dedizione e determinazione per non scoraggiarsi davanti alle inevitabili risposte negative e anche alle critiche di amici e parenti. Per Sylvie e David (leodavidsylvia.over-blog.com), che convoleranno nel 2011, in Francia non c’è ancora la mentalità giusta: «Il matrimonio è considerato qualcosa di intimo». «Alcuni amici – spiega al Parisien Aurore, futura sposa a Strasburgo (marieznous.canalblog.com) – hanno disdetto quando hanno saputo che sponsorizzavamo il matrimonio. Un peccato. C’è anche chi ci ha accusato di svenderci». L’idea invece piace a Jean-Marie Andrès, vicepresidente della Confederazione nazionale delle associazioni delle famiglie cattoliche: «In un’epoca in cui ci si sposa sempre di meno, trovo straordinario il coraggio di queste coppie che anche di fronte a critiche e difficoltà non rinunciano al loro progetto». Aurore, dottoranda che sposerà Alexandre il 22 maggio, intende sfruttare fino in fondo l’esperienza: «La ricerca di sponsor è diventata una sfida che intendo valorizzare anche sul mio curriculum».

Alessandro Grandesso
15 maggio 2010

(tratto dal Corriere della Sera)

http://www.corriere.it/cronache/10_maggio_15/grandesso-matrimoni-sponsorizzati_5f4006ae-6042-11df-b9ba-00144f02aabe.shtml

5 thoughts on “Sposarsi con lo sponsor

    1. Ciao Elisa,
      ho visto il vostro Blog, veramente carino e l’idea va da se’ che è veramente fantastica! Iscriviti al mio TiamoTisposo su Fb, ci sono tanti fornitori del settore e puo’ essere piu’ facile trovare lo sponsor, ecco il link http://www.facebook.com/pages/TiamoTisposo-Weddings-loads-more/213284891637?ref=ts.

      Ho letto che la sala comunale non è sufficiente a contenere i tuoi invitati, allora perchè non opti per un matrimonio civile all’aperto? Magari proprio all’interno del giardino della location dove ti sposi? Ce ne sono diverse che te lo lasciano fare, soprattutto verso Crema..che non è lontano da Milano.
      Se hai bisogno scrivimi;)

  1. Ciao a tutti!!! Anche noi abbiamo aperto il nostro blog e siamo a caccia di sponsor ogni giorno!😄 Devo dire che abbiamo trovato quasi tutto e stiamo risparmiando tantissimo! E’ proprio una genialata!!!!!!

    Visitate il nostro blog http://www.anozzeconlosponsor.it e cercateci su facebook scrivendo “a nozze con lo sponsor”… anche voi, col vostro aiuto e lo spirito di condivisione ci porterete all’altare!

    Ciao!!!
    Daniela e Rubens

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...