A Story about Love: the Event

Milano – Sono giorni intensi quelli di giugno, la nostra stagione si è aperta in anticipo con il matrimonio ad Oxford del quale vi racconterò nel prossimo articolo e prosegue con le nozze dei nostri clienti stranieri in Italia, siamo in fermento con gli ultimi ritocchi, ma… voglio trovare il tempo per parlarvi di un progetto a cui tengo molto.

ELISA MOCCI, destination wedding planner di fama internazionale, che come me ha alle spalle 10 anni di lavoro nel settore del wedding, ha deciso di creare un happening semplicemente straordinario!

“A Story about Love” è l’evento che Elisa ha creato per celebrare il suo traguardo decennale, una Masterclass – dedicata alle tecniche della produzione di eventi di lusso e alle emozioni dello storytelling teatrale – che si terrà a Napoli dal 7 al 10 novembre 2018 presso il Teatro Sannazzaro, e che la vedrà accompagnata da un illustre team di esperti internazionali, tra i quali David Beahm, designer del matrimonio di Catherine Zeta-jones e Michael Douglass, Philippa Craddock, flower designer del recente Royal Wedding tra Harry & Meghan, Marie Cruz, planner australiana e vincitrice dell’ ELLE Bridal Award come best wedding planner 2017, e altri ancora.

Un viaggio che vi porterà a scoprire una Storia che parla d’Amore, in un’atmosfera iconica ispirata al Moulin Rouge.

Attraverso l’uso di parole chiave reinterpretate tramite luoghi, fiori, mani, musica, sguardi, ricordi, si delinea la Storia di Elisa, da cui nascono i sogni visionari che si trasformano in realtà.
E poi i colori, il fuoco, la passione, il coraggio per dare spessore alla ricerca dell’eccellenza, alla professionalità, alla capacità e volontà di fare dell’ impossibile il possibile solo per regalare un sogno che dura per sempre.

Uno spettacolo scritto da Elisa Mocci, diretto dal Cast di Elan Artists all’interno di una scenografia iconica creata dagli allievi dell’Academy diretti da Philippa Craddock, Marie Cruz, David Beahm.

A “spectacular spectacular” dinner show dove l’intero ricavato del Gala Dinner Show sarà devoluto in beneficienza alla Onlus creata da Elisa e che finanzierà progetti e borse di studio in ambito artistico, teatrale e musicale destinati a ragazzi e ragazze che sono vittime di bullismo a scuola.

Quando Elisa mi ha illustrato l’evento sono subito stata entusiasta, il concept dell’evento,  la location, gli ospiti internazionali, ma soprattutto il progetto Charity, davvero impossibile mancare!

“WE CAN BE HEROES JUST FOR ONE DAY” è il motto della serata!

Maggiori informazioni qui

***

Milan: These are intense days in June, our wedding season has already opened in advance with the fabolous wedding in Oxford, which I will talk about in the next articles, and keeps going with our foreign couple’s wedding in Italy. We are unrestly working hard on the finals touches and details, but…I want to find the time to talk about a project that I really care. 

ELISA MOCCI: internationally renowned destination wedding planner, who, like me, has been working for 10 years in the wedding industry, has decided to create a special happening! 

“A Story about love” is the event designed by Elisa to celebrate her ten-year milestone with a masterclass dedicated to the techniques of the production of luxury events and the emotions of theatrical storytelling. It will be held in Naples from the 7th to the 10th of November 2018 at Sannazzaro Theater, also with the presence of an illustrious team of international experts to accompany her with this extraodinary masterclass. We are talking about David Beahm, Catherine Zeta-Jones and Michael Douglass’ wedding designer, Philippa Craddock, Flower designer of Prince Harry and Meghan’s recent Royal Wedding, Marie Cruz, Australian planner and winner of ELLE Bridal Award as best wedding planner 2017, and many more.

A journey that will take you to discover a Story that talks about love, in an iconic atmosphere inspired by the Moulin Rouge.

Through the use of reinterpreted keywords, through places, flowers, hands, music, glances and memories, Elisa’s History is outlined, from which visionary dreams were born, that trasforms into reality. And then the colors, the fire, the passion, the courage to give depth to the pursuit of excellence, professionalism, ability and willingness to turn the impossible, to possible, just to give a dream that lasts forever. A spectacular show written by Elisa Mocci, directed by the Cast of Elan Artists at an iconic scenography created by the students of the Academy directed by Philippa Craddock, Marie Cruz and David Beahm.

A “spectacular spectacular” dinner show where the entire proceeds of the Gala Dinner Show will be donated to charity to Elisa’s non-profit organization  and which will fund projects and scholarships in the artistic, theatrical and musical fields for boys and girls who are bullied at school.

When Elisa illustrated me the event, I was immediately enthusiastic about it, the concept of the event, the location, the international guests, but above all the Charity project, really impossible to miss it!

WE CAN BE HEROES JUST FOR ONE DAY” is the motto of the evening!
More information here
a211

 

Annunci

Infant Charity Award: premiano chi si prende cura dei bimbi

Infant Charity Award 2014

In una Milano dove in pochi giorni siamo passati dall’inverno all’estate anche le notizie non sono da meno e ne ho piu’ di una davvero positiva. Ieri pomeriggio sono stata alla conferenza stampa dell’Infant Charity Award, il premio che, per la prima volta, darà un riconoscimento alle associazioni che si sono distinte per il loro operato a favore dei bambini. Condivido molto l’iniziativa, perchè dare un riconoscimento a chi spende energie, risorse e tempo in progetti benefici, merita sicuramente un riscontro e poi perchè spesso tra tante associazioni anche noi persone semplici che vorremmo dare il nostro apporto, spesso non sappiamo a chi darlo e diventa difficile valutare chi realmente con i fondi realizza progetti concreti.

Entro piu’ nello specifico per spiegarvi l’iniziativa: saranno sette le categorie di appartenenza per altrettanti premi, in riferimento a realtà associative che sostengono la ricerca medica, la costruzione di strutture mediche e di accoglienza, il supporto psicologico e tutto ciò che contribuisce a rendere migliore la vita di un bambino.

Premi speciali verranno consegnati a personaggi dello spettacolo, dello sport e della moda che danno il loro contributo concreto e attivo al mondo dell’infanzia, tra cui Ezio Greggio, Martina Colombari, Giampaolo Pazzini e Peter Langner.

I premi verranno consegnati il 16 aprile con una serata di gala e intrattenimento a Palazzo Parigi a Milano, presenta il nostro caro amico, l’attore Aron Marzetti e tra gli artisti ci saranno la cantante Aba (finalista di X-Factor),  il pianista e compositore Alessandro Martire, che ricordiamo con affetto grazie al suo sostegno a favore delle nostre iniziative aziendali, e il DJ più giovane del mondo, Federico Gardenghi di 9 anni. A consegnare i premi, tra gli altri, Maddalena Corvaglia, Nicolas Vaporidis, la Iena Filippo Roma e Cristina De Pin.

Molti gli sponsor tra cui Acqua dell’Elba, Tom Ford, Ottaviani, Birikini, e i vip che hanno deciso di supportare la serata e l’iniziativa: tutti i proventi verranno utilizzati per l’acquisto di un ecografo portatile per il reparto di terapia intensiva neonatale dell’ Ospedale Buzzi di Milano, chiudendo cosi il “Progetto Buzzi”, aperto dall’associazione “Il Cuore di Giampy“.

***

In few days we went from winter to summer, here in Milan, and the good news are blooming. Yesterday afternoon I was at the press conference of the Infant Charity Award , the award that for the first time, give recognition to organizations that have distinguished themselves for their work on behalf of children. I really want to support the initiative: finally they give recognition to those who spend energies, resources and time in charity projects, is definitely a really good news. Often among many associations it is difficult to decide the right one to choose.

I would like to specifically explain you the initiative: there will be seven categories of membership for as many awards, in reference to associations that support medical research, construction of medical facilities and hospitality , psychological support and everything that contributes to make life better for a child.

Special prizes will be awarded to sport and fashion celebrities that give their concrete and active contribution in the world of childhood , including Ezio Greggio, Martina Colombari , Giampaolo Pazzini and Peter Langner .

The awards will be presented April the 16th with a gala dinner at  “Palazzo Parigi” in Milan by our dear friend, the actor Aron Marzetti. Among the artists there will be the singer Aba ( X Factor finalist ) , the pianist and composer Alessandro Martire, whom we remember with affection due to its support of our corporate initiatives , and the world’s youngest DJ , Federico Gardenghi 9 years. Presenting the awards, among others, Maddalena Corvaglia , VaporidisFilippo Roma and Cristina De Pin .

Many sponsors including Acqua dell’ Elba, Tom Ford, Ottaviani, Birikini , and celebrities have decided to support the initiative: all proceeds will be used to purchase a portable ultrasound for the intensive care unit of neonatal ‘ Buzzi Hospital in Milan, so closing the “Project Buzzi “, opened by the ” il Cuore di Giampy .”

 

conferenza stampa infant charity award sponsors

ICA conferenza stampa-38

ICA conferenza stampa-41

ICA conferenza stampa-48

infant charity awards conferenza 1

Soleterre ONLUS: PARTY per sostenere un progetto importante, non mancate!

Immagine

Di recente un amico mi ha mandato un invito ad un evento di Soleterre ONLUS, lo sapete, ho veramente pochissimo tempo libero e di inviti ad eventi ce ne arrivano davvero tanti, questa volta però ho voluto approfondire e capire un po’ di cosa si trattava piu’ nello specifico, e…sono rimasta davvero colpita dall’operatività di questa organizzazione!

Immagine

Ecco l’invito che ho ricevuto:

Sabato 30 novembre 2013 Soleterre ha organizzato una splendida festa: “CHANGE THE WORLD” in via del Lisone ad Opera (MI), un party il cui mood è BE FAMOUS, potrai travestirti indossando gli abiti di un personaggio famoso e ballare tutta la sera. Con soli 20,00 euro avrai due consumazioni e il ricavato andrà in beneficienza per sostenere il progetto di cui ti parlerò qui di seguito. NON MANCARE!

Immagine

Dopo aver letto l’invito mi sono informata un po’ su Soleterre ed ecco cos’ho scoperto:

Soleterre è un’organizzazione umanitaria laica e indipendente che opera per garantire i diritti inviolabili degli individui nelle “terre sole”.
Realizza progetti e attività a favore di soggetti in condizione di vulnerabilità in ambito sanitario, psico-sociale, educativo e del lavoro.
Interviene con strategie di pace per favorire la risoluzione non violenta delle conflittualità e per l’affermazione di una cultura di solidarietà. Adotta metodologie di partenariato e di co-sviluppo per promuovere la partecipazione attiva dei beneficiari degli interventi nei Paesi di origine e in terra di migrazione e garantire la loro efficacia e sostenibilità nel tempo.
Riconoscimenti e iscrizioni
Soleterre è una ONG (Organizzazione Non Governativa) riconosciuta dal Ministero degli Affari esteri Italiano. È iscritta al Registro delle Associazioni che Svolgono Attività a Favore degli Immigrati presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e al Registro delle Associazioni che Svolgono Attività nel Campo della Lotta alle Discriminazioni presso UNAR (Ufficio Nazionale per la lotta alle
discriminazioni razziali costituito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri). Soleterre è membro dell’Unione Internazionale contro il Cancro ed è stata premiata con la targa d’argento della Presidenza della Repubblica italiana per le attività in favore dell’oncologia pediatrica.”

Immagine

Anche le persone che hanno avuto sinergie con questa ONLUS me ne hanno parlato benissimo, e oltre ai riconoscimenti abbiamo testimonianze reali di persone che conosciamo, che non fa mai male!

Ora però vorrei parlarvi del progetto che viene finanziato con il Party del 30 novembre, nello specifico si tratta del progetto internazionale di oncologia pediatrica: Soleterre interviene nei reparti pediatrici di oncologia e neurochirurgia di Kiev (UCRAINA) per migliorare le cure mediche e supportare i piccoli malati di cancro e le loro famiglie. Ha aperto una casa d’accoglienza dove possono ricevere cure e terapie in day hospital e affrontare al meglio il recupero psicofisico. I tassi di mortalità infantile per tumore in Ucraina sono superiori alla media dei paesi europei: se in Europa le percentuali di guarigione aggiungono il 75-80% dei casi, in Ucraina si scende al 55%, soprattutto a causa del ritardo nelle diagnosi.

Immagine

Le attività

  • Assistenza psicologica e sociale continuativa.I bambini e le loro famiglie vengono seguiti da un team composto da tre psicologhe, due educatrici e un’insegnate.
  • Riabilitazione e fisioterapia.L’attività di fisioterapia sui pazienti malati di cancro sottoposti ad operazioni chirurgiche è fondamentale perché dopo un’operazione di asportazione di un tumore solido l’arto colpito perde la sua mobilità.
  • Fornitura di materiali di consumo e fondo di emergenza.Nei reparti pediatrici scarseggiano i più comuni materiali di consumo. Per integrare queste carenze vengono fatte donazioni mensili ai reparti ed è stato creato un fondo di emergenza destinato a casi particolarmente critici.
  • Fornitura di strumentazione medica e allestimento dei reparti ospedalieri.
  • Dotazione ai reparti di attrezzature diagnostiche e chirurgiche (ecografo, kit chirurgici, eco-cardiografo, disettoreultrasonico, microscopio FISH, etc.).
  • Formazione del personale medico e collaborazioni.
  • Organizzazione di training in loco e presso ospedali esteri grazie anche ad una partnership con la SIOP (Società Internazionale Oncologia Pediatrica) per corsi di formazione ai massimi livelli internazionali. Collaborazioni stabili tra strutture ospedaliere italiane e ucraine e creazione di una rete tra associazioni di genitori e medici.
  • Casa di Accoglienza. Dal 2009 è stata aperta una casa di accoglienza per ridurre il periodo di ospedalizzazione dei bambini e restituire alle famiglie la serenità di recuperare spazi di intimità e quotidianità. Attualmente la casa è in affitto, ma si stanno raccogliendo fondi per la costruzione di un nuovo e più efficiente centro di accoglienza e riabilitazione.

Immagine

Adesso che so e che sapete di che cosa si tratta, diventa difficile non partecipare e se…siete cosi impegnati da non poter venire potete sempre mandare il vostro contributo, ecco come:

  • ONLINE con carta di credito e PayPal sul sito http://www.soleterre.org
  • IN POSTA conto corrente n. 665588 intestato a Soleterre ONLUS
  • IN BANCA cc Soleterre ONLUS Banca Popolare di Milano IBAN IT 49D 05584 01610 000000013880

Soleterre – Strategie di Pace ONLUS

Tel +39 02.5760930 Fax +39 02.23951365
C.F. 97329310151
WWW.SOLETERRE.ORG
INFO@SOLETERRE.ORG
Via Bazzini, 4 – 20131 Milano
Via Eugenio Montale, 19/21 – 20090 Opera (MI)
Via Benedetto Stay, 69 – 00143 Roma

Quasi dimenticavo, Soleterre puo’ essere una bella idea per la tua donazione di nozze o se sceglie le bomboniere solidali, pensaci! Lo so’ questo articolo è un po’ pubblicitario, ma quando si trovano delle persone che credono in un progetto e ci lavorano con il cuore è davvero difficile non promuoverle!!

Grazie amici, alla prossima!

smack!

I vostri amici a 4 zampe non possono mancare!

Il matrimonio rappresenta l’ufficializzazione della Famiglia e se avete un piccolo amico a quattro zampe, lui non dovrebbe assolutamente mancare. Puo’ essere complicato, ma se il vostro cane non è di grossa taglia e si trova a suo agio con le persone, direi che le controindicazioni sono davvero minime!

Potreste persino pensare di prendere una piccola pettorina o un papillon. Dovete sapere che per i nostri piccoli amici c’è un vero e proprio servizio di dog sitting, e se anche gli invitati hanno dei cagnolini che non vogliono lasciare a casa, allora sarebbe perfetto, sarà una vera e propria festa anche per loro!

Vi segnalo un sito di professionisti Wedding Dog Sitter, che oltre a fornirvi il servizio classico è in grado di darvi tante informazioni e un adeguata consulenza, chi l’ha provato ne è stato davvero soddisfatto!

La loro fedeltà e il loro amore ci accompagnano tutti i giorni, perchè non in un giorno cosi importante per noi?

Se invece il vostro sogno è proprio quello di adottare un cagnolino, dovete sapere che l’ OIPA (Organizzazione Internazionale per la Difesa degli Animali) è in grado di farvene avere uno in pochissimo tempo. L’adozione è la via consigliata, non sapete quanti cagnolini senza casa ci siano… se puo’ servire vi segnalo il link per le adozioni dell’OIPA di Brescia è molto attiva e i volontari, se serve vengono a portare i cagnolini anche qui a Milano.

Che sia una splendida estate per tutti!

Malawi nel Cuore: l’esperienza di Raffaella e Fulvio

Raffealla e Fulvio con i bimbi del Milawi

Quest’oggi vorrei riportarvi l’esperienza di Raffaella e Fulvio, che mi hanno fatto conoscere una Onlus alla quale hanno voluto devolvere la loro donazione in occasione delle proprie Nozze.

Spesso mi accade che gli sposi siano poco legati alla tradizionale bomboniera e vogliano devolvere parte del ricavato del loro matrimonio in beneficienza. Da qui è nato il mio approfondimento per conoscere meglio la realtà del settore e crearmi un idea in merito.

Il mercato è molto frastagliato, ma la caratteristica che mi ha colpito di ” Malawi nel Cuore” è che vedi l’evolversi e la realizzazione dei progetti proposti con una velocità incredibile. Trattandosi di un organizzazione molto snella puoi vedere in concreto dove e come vengono spesi i vostri soldi!

Vi lascio alla testimonianza di Raffaella & Fulvio, nella speranza che possa essere utile a tutti Voi.


IL NOSTRO CUORE IN MALAWI

“Cosa ci ha portato in Malawi da Rita e Padre Eugenio? Il nostro amore per la vita e la voglia di conoscere ed aiutare le persone che hanno basato la propria vita sull’amore per il prossimo, una targhetta con scritto “Malawi nel cuore”-ONLUS ed un libro sul Malawi, il primo regalo di nozze che abbiamo ricevuto. Quella bella targa “Malawi nel cuore”-ONLUS messa con precisione in corrispondenza dello stop di via Caracciolo a Masnago-Varese a noi non é passata inosservata. Così abbiamo conosciuto Roberto e Patty, “Malawi nel cuore”, i progetti sostenuti dall’associazione e abbiamo avuto la bellissima opportunità di toccare con mano la terra e le persone a cui gli aiuti raccolti dall’associazione sono destinati.

Quando circa un anno fa abbiamo iniziato ad informarci sul Malawi abbiamo scoperto che si trova nella Rift Valley, una spaccatura della crosta terrestre nella parte orientale dell’Africa. Questa enorme e lunghissima crepa é ritenuta da molti studiosi la culla della umanità. Dopo aver festeggiato il nostro matrimonio, abbiamo iniziato il nostro viaggio di nozze e percorso di vita come marito e moglie dal Malawi con l’idea di partire dal “cuore caldo dell’Africa”, dalle origini della civiltà, e con la voglia di conoscere e vedere in azione chi dedica la propria vita a uno dei paesi piu’ poveri del mondo dove un terzo della popolazione vive con un reddito di circa 1 dollaro al giorno, in cui si stima ci siano 900 mila sieropositivi e muoiano 70 mila persone ogni anno a causa dell’AIDS.

E’ difficile descrivere a parole il Malawi e cosa colpisce e rimane impresso dell’Africa: il colore rosso della terra, il verde della natura, il blu dell’acqua del lago, il marrone-grigio-rosa delle montagne granitiche, il cielo dall’ orizzonte infinto, i tramonti infuocati, il contrasto tra la luce del giorno e il buio della notte; l’incredibile numero di persone lungo le strade in bicicletta e a piedi che trasportano bidoni pieni d’ acqua o fascine di legna, i bebé avvinghiati alle spalle delle mamme, i tanti bambini che camminano verso la scuola o che giocano nei campi, che saltano come pazzi e ti corrono incontro per vedere sul display della macchina fotografica le foto scattate. Ovunque si vada si é sempre circondati da bambini sorridenti, ma basta osservare i villaggi che si susseguono lungo le strade per capire che le condizioni di vita in Malawi sono molto difficili per la maggior parte della gente: le case sono capanne con tetti di paglia, fatte nei casi migliori di mattoni di terra rossa cotti al sole. Luce, acqua, gas, sono lussi per pochi anzi, per pochissimi.

Momenti conviviali..

Quando abbiamo iniziato a conoscere un po’ di piu’ l’Africa ci siamo scontrati non solo con povertà, malattie e condizioni di vita precarie, ma anche con ingiustizie e una cultura basata sul presente che per noi AZUNGU (“uomini bianchi”) é incomprensibile. Perché l’idea di qualunque persona proveniente da una cultura occidentale che vuole portare un aiuto a persone bisognose é quella di garantire un futuro migliore. Quando si arriva in Africa si capisce che questa idea stride con l’idea di vita della maggior parte degli africani che é scandita dalle difficili azioni quotidiane, dalla ricerca di qualsiasi mezzo per arrivare a sera. Il tempo sembra essere fermo al presente, procede lentamente con difficoltà verso sera. Le troppe incertezze del presente non lasciano spazio per pensare al domani e al futuro. Allora abbiamo iniziato a capire quanta forza di volontà, fatica, amore, energia e soprattutto speranza ci sia dietro il lavoro di Rita, di Padre Eugenio e di tutti gli altri volontari che operano per garantire un futuro migliore a delle persone che non sanno cosa sia il futuro.

Oggi, rientrati nella nostra frenetica quotidianità, siamo felici di poter essere testimoni di quanto fatto da Rita e Padre Eugenio. La clinica per L’AIDS, gli ospedali e le scuole costruite da Padre Eugenio pur essendo delle piccole opere d’ingegneria, sono grandiose opere che garantiscono l’accesso all’istruzione e alla sanità a persone che altrimenti non avrebbero modo di essere né istruite né curate. L’orfanatrofio di Rita é un piccolo paradiso: l’amore e le cure che i piccoli orfanelli ricevono é unico. La forza di Rita e Padre Eugenio sono unici. I loro progetti permettono a molte persone di sopravvivere ed avere un futuro.

Tutti i dati per donare il vs contributo

In conclusione, siamo felici di raccontare che abbiamo iniziato un po’ per caso a collaborare con “Malawi nel cuore” ed ora vogliamo continuare perché questa giovane e piccola associazione ha delle distanze così “corte” con chi opera in Malawi che permette di conoscere facilmente cosa viene fatto e di avere la certezza che i nostri contributi arrivino a destinazione senza sprechi. Rita, Padre Eugenio, Marina e tutte le persone che come loro decidono di dedicare la propria vita agli altri, hanno bisogno non solo di un aiuto materiale per continuare, ma di una forza, energia e speranza che solo il sostegno di altri esseri umani puo’ dare. Così, un’affettuosa parte del nostro cuore é rimasta lì, in Malawi, a sostenere queste persone con la speranza che il Malawi e i suoi abitanti, ancora non consapevoli di poter avere un futuro migliore, lentamente negli anni lo avranno grazie al grande cuore di persone come loro.

Grazie Rita ed Eugenio per averci fatto conoscere il Malawi attraverso i vostri bellissimi occhi pieni di amore e speranza!

Raffaella e Fulvio”

Rita e i bimbi...