Fuorisalone:..aprire una Finestra anche dove non si può..by LUMENA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Siamo quasi agli sgocciolini, il Fuorisalone tra pochissime ore verrà disallestito e, Milano, ritornerà ad essere la metropoli di sempre, conscia che, per una settimana è stata la vera protagonista del DESIGN Europeo ed Internazionale.

Nonostante le aspettative pessimistiche di molti scettici, il FUORISALONE è stato un vero successo! La creatività è stata la vera padrona e tra i tanti designer del momento abbiamo pensato di citarvene alcuni.

Il designer JACOPO CARGNEL ci ha illuminati con la sua lampada da parete dal design fortemente iconico. Un raffinato gioco, rivela il punto luce da interno: un’ideale finestra che da respiro all’ambiente.

Un oggetto interessante sia per i privati che per le aziende del mondo degli eventi, un modo per giocare con le pareti delle location per eventi ,che spesso, hanno pareti poco illuminate o caratterizzare.

Il nome della lampada LUMENA deriva dal termine latino lumen ed esprime il concetto fondativo di luce come apertura di vita all’oscurità.

TiamoTisposo terrà d’occhio il designer che con la sua proposta “romantica”ma non banale, non poteva passare inosservato.

Se desiderate maggiori informazioni potete contattare direttamente la società:

LUMENA-design: JACOPO CARGNEL

http://www.jacopocargnel-designer.com

Lùmena, design: jacopo cargnel

Il concept del progetto Lùmena nasce da un’intuizione semplice ma densa di significati. Nello spazio semiotico della casa infatti, la finestra sintetizza il gesto ancestrale e poetico del portare la luce all’interno. Lo spazio abitativo infatti, interpretato come un mondo raccolto e protetto, non è più immerso nell’oscurità, ma attraverso il gesto della finestra si arricchisce di una comunicazione verso l’esterno e contemporaneamente di una preziosa fonte di vita e di luce.
Proprio là dove non è possibile aprire una finestra, o dove essa non è sufficiente a condurre la luce in tutto l’ambiente, l’uomo ha inventato la lampada artificiale, incredibile sforzo tecnico e creativo volto a superare le barriere stesse della natura e a portare la luce là dove essa non può illuminare quello che è lo spazio dell’uomo per definizione: la sua casa.
Il concept del progetto Lùmena gioca quindi sul forte rimando formale al concetto di finestra, primigenia fonte di illuminazione, di cui la lampada è stata poi surrogato. Riprendendo, tramite un’ accurata ricerca di stile, i tratti iconici di tale elemento, il product designer Jacopo Cargnel ha progettato un’interessante metaprodotto di illuminotecnica, una lampada dal forte impatto poetico e dal sostanziale contenuto tecnico, sfruttando in modo intelligente e sensato le più recenti tecnologie dell’illuminazione.
Lùmena è quindi una lampada da parete che crea l’intrigante sensazione di avere una vera e propria finestra sulla parete, una finestra aperta su una vivida giornata di sole. La luce emessa infatti, tramite una fonte luminosa “indiretta” (cioè invisibile direttamente) crea un fronte luminoso unico che fuoriesce dal disegno “a crociata” della lampada, e crea la forte illusione di avere uno scorcio luminoso nella parete, una finestra appunto.
Lùmena si presta sia per l’interior che per l’outdoor. Collocata su pareti esterne infatti, la lampada crea l’illusione di una finestra aperta su un ambiente interno caldo e accogliente.

Lùmena è composta da una maschera estica frontale realizzata in acciaio inox e dalla struttura illuminante, fissata sulla parte posteriore. La maschera frontale, disponibile con finitura satinata e lavorata con taglio laser è disegnata con i tratti stilizzati e immediatamente riconoscibili di una finestra crociata. La struttura illuminate è composta da un telaio portante e dai corpi illuminanti a led. Ogni lampada è alimentata da due led strip di 30 centimetri Karmaled (www.karmaled.it). Si tratta di led di potenza High density, pensati appositamente per l’illuminazione domestica. Lùmena è stata presentata al Fuorisalone di Milano in due varianti dimensionali, normale (ca 40×40 cm) e grande (ca 80×80 cm).

Lùmena è stata ufficialmente presentata al pubblico e alla critica giovedì 15 aprile all’interno della settimana del Fuorisalone. Durante la serata di inaugurazione l’Ing. Luigi Merlini, ex direttore “Advanced Design Fiat”, attualmente professore del “Politecnico di Milano” presso il “Master in Transportation&Automobile Design” ha tenuto un’interessante discorso sul valore del design e sugli elementi più importanti della progettazione di design. Il progetto Lùmena è rimasto poi esposto a pubblico e critica per tutta la durata del Fuorisalone, dal 14 al 19 aprile presso “SpazioCerano15” in via Cerano.


Annunci

INTERNI THINK TANK

Questo slideshow richiede JavaScript.


http://www.youtube.com/watch?v=bI7tXzZw7xA

Vi segnaliamo una mostra Evento molto interessante! Come ben sapete, TiamoTisposo adora l’arte ed ha una sfacciata passione per il Design. Vogliamo essere propositivi nei confronti dei giovani e cerchiamo di aiutarVi nel nostro piccolo a tenere le meningi e gli occhi ben allenati..fate un giro alla mostra e sappiatemi dire se ne valeva la pena ;)!

INTERNI THINK TANK!

Università degli Studi di Milano
Via Festa del Perdono 7, Milano
(13-25 aprile 2010)

OrariHours:
13.04 a 18.04: 09.00 – 24.00
19.04 a 25.04: 09.00 – 20.00

In occasione del FuoriSalone® 2010, INTERNI si fa promotore, durante la Settimana milanese del Design (13-19 aprile 2010), della grande Mostra Evento INTERNI THINK TANK.

Think Tank? “Nel pragmatico mondo anglosassone, dove il concetto nasce, nel periodo a ridosso della seconda guerra mondiale, il think tank è un incubatore, una piattaforma in cui si condividono dei temi: politica sociale, strategia, economia, scienza e tecnologia”. Francesco Morace

INTERNI THINK TANK vuole proporre una riflessione sul bisogno di rinnovamento e sui mutamenti dei valori del progetto del prossimo futuro. Un momento di verifica sulla condizione contemporanea in cui la globalizzazione comincia a richiedere la valorizzazione di realtà locali, dove l’approccio alla cultura del progetto sostenibile si configura come un tema di sopravvivenza più che un fatto stilistico e compositivo, e dove il design – e il sistema produttivo che lo sostiene – può contribuire a definire nuovi innovativi scenari nel paesaggio domestico e collettivo.

Così, con l’apporto di progettisti internazionali, attraverso INSTALLAZIONI sperimentali, la Mostra intende offrire una grande composizione spettacolare sul tema, avvalendosi del supporto di aziende attive nel campo del design e dell’architettura che abbiano raggiunto livelli di eccellenza nei rispettivi ambiti di produzione.

All’interno dell’Evento, lungo il percorso espositivo, si collocano inoltre le DESIGN ISLAND, veri e propri “salotti urbani” e luoghi di incontro realizzati e allestiti da aziende leader del settore arredamento-design italiano e internazionale con prototipi inediti e prodotti appartenenti alle ultime collezioni.

Le installazioni della Mostra si collocano all’interno di un luogo della città da svelare a un pubblico allargato, instaurando con la sua storia un discorso di possibile riuso. “Costruire sul costruito”, fare del patrimonio edilizio esistente una risorsa su cui poter operare.

Beauty & Design: aspettando Il Salone del Mobile

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sempre attenti alla vita mondana di Milano e alle novità, non potevamo non segnalarVi alcuni eventi interessanti e gratuiti che possono essere utili a voi Spose e non. Per la settimana del Salone del Mobile (14-19 aprile) anche il mondo del beauty proporrà novità di design: è bene allora organizzarsi bene, per poter essere presente a tutti gli appuntamenti interessanti:

Una pausa di freschezza. In una struttura a forma di cubo di ghiaccio, dal 13 al 19 aprile alle Colonne di San Lorenzo, Vichy si prenderà cura di tutte le donne con i trattamenti idratanti Aqualia Antiox. All’interno del Big Ice, dalle 13 alle 22, il marchio effettuerà analisi personalizzate della pelle con uno strumento tecnologico, lo SkinConsult, e offrirà a tutti i suoi ospiti fresche spremute d’arancia, il frutto antiradicali liberi per eccellenza. Inoltre, i Laboratori Vichy hanno messo a punto il primo trattamento di Fresh Cosmetic, un Elisir antiossidante effetto pelle nuova, da preparare e conservare in frigorifero, che sarà protagonista del concorso Vinci un frigorifero Smeg e i trattamenti Aqualia Antiox, dedicato a tutti coloro che entreranno nella struttura di ghiaccio.

Design olfattivo. «Guerlain è la marca che ha fatto la storia del profumo, non è stato facile conciliare le sue profonde radici con una concezione più contemporanea. Ho cercato di immaginare una donna Guerlain di oggi e mi sono immerso nelle forme dei flaconi storici della marca cercando di recuperare la cifra stilistica, i materiali, lavorandoli in una chiave nuova, inaspettata», spiegaOra-ïto che dal 14 al 19 aprile sarà in mostra con la sua nuova interpretazione di Idylle di Guerlain, un flacone in edizione limitata in acciaio cromato, presso il Magna Pars (via Tortona 15, tel. 02 89401384). In un ambiente total black, il designer francese presenterà anche il suo omonimo brand, la collezione Ora-Gami per Steiner, oggetti per arredare la tavola per Christofle, una cucina in carbonio per Gorenje, oggettistica per il bagno per Altro-Supergrif, tappeti perStepevi e arredi urbani per JCDecaux.

L’Abc della bellezza. Dal 13 al 25 aprile (dalle 10 alle 20) presso il cortile dell’Università Statale (via Festa del Perdono, 7) Deborah Milano sarà presente con l’evento-istallazione Alfabeti degli architetti Mario Trimarchi eFrida Doveil. Protagonisti dell’opera saranno una dozzina di paraventi leggeri in alluminio ritagliati con tecniche di taglio computerizzate che consentono di ottenere la sovrapposizione di forme organiche e geometrie. Il risultato sarà un gioco di immagini e colori che svelerà le matrici formali dei diversi alfabeti utilizzati. Tra questi le “icone” di Deborah, Mascara Black & LongD-Gloss,Terra LuminatureRossetto Light Creator e la Maxiterra Deborah che si trasformerà in una seduta plurima in cemento.

Percorso multisensoriale. Presente anche Clinique che il 14 aprile dalle ore 20 incontrerà la sensualità di Senses in The Kitchen presso lo showroom Comprex (via Filippo Turati 7). Un modo per “vivere” la fragranza Aromatics Elixir, diffusa nell’ambiente con tecnologia Oikos e abbinata a un particolare percorso gusto-olfattivo proposto da Luca Bandirali, sommelier professionista, nel contesto delle nuove cucine Vogue e Class presentate da Comprex in anteprima per Eurocucina 2010. Ingresso su invito.

Avanguardia creativa. Hugo by Hugo Boss sarà presente con un evento nato in collaborazione con lo IED. Ponendosi semplici domande come Cosa è il bello? gli studenti hanno tracciato la via che il marchio dovrebbe seguire per mantenersi brand icona. Un percorso emozionale al termine del quale si colloca Your Sign, Your Story, un allestimento di forte impatto scenografico che ripercorre la fasi attraverso cui l’individuo lascia un segno di sè unico e irripetibile attraverso la creatività. How to: 15 aprile (dalle 18 alle 22), IED, via Sciesa 4, Milano.

Design your face. Per il quarto anno consecutivo Estée Lauder partecipa alla settimana del design. Quest’anno il marchio newyorkese mette a disposizione collezioni, tecniche e artisti del makeup che “ridisegnano” il tuo viso che verrà poi immortalato dalla fotografa di moda Graziella Vigo (al corner sarà consegnato un CD con gli scatti). How to: LaRinascente Duomo, piazza Duomo, Milano, piano terra, dal 13 al 19 aprile solo su appuntamento (tel. 02 8852386).

Arte, natura e bellezza. Gli oggetti di design della colombiana Ericka Olaya Andrade – Kikka incontrano l’arte giapponese del makeup nella boutique milanese di Shu Uemura. Kikka propone i suoi kitten, oggetti-culto a forma di gatto in tessuto e materiali naturali. Dal 14 aprile nel negozio sarà presentata anche Kikka&Kitten by Shu Uemura, una limited edition di ciglia finte che vede protagonisti i kitten. How to: Boutique Shu Uemura, via Brera 2, dal 14 al 19 aprile.

Colori & pietre. Dal 16 al 19 aprile Whirlpool ospiterà nel suo spazio Colour & Stones at Fuori Salone (via Tortona 31) un corner Shiseido dominato da una grande semisfera composta da 85 bolle “ripiene” di polveri colorate (Peach, Ghost, Bone, Fondant, Sky) degli ombretti Luminizing Satin Eye Color della nuova collezione primavera/estate. A completare questo arcobaleno i colori “indossati” dai forni Glamour di Whirpool: Yellow Saphran, Lime Sorbet, Persil Green, Persimmon Orange, Pink Watermelon e Blue Sugarcandy. A disposizione: trucchi personalizzati e lezioni di cucina al microonde.

( tratto da “Marie Claire”)